Gessi e grotta

Giorno 6 marzo 2016 l’Associazione Culturale Filippo Terranova ha promosso l’esplorazione scientifica di una grotta situata fra il territorio di Delia e quello di Caltanissetta. Dato che non siamo degli speleologi provetti abbiamo invitato l’Associazione CIRS (Centro Ibleo di Ricerche Speleo-Idrogeologiche) di Ragusa. Questa Associazione, al contrario della Terranova, vanta un esperienza pluridecennale nell’esplorazione speleologica e i suoi componenti sono molto preparati sia dal punto di vista tecnico che scientifico.

logo_cirs

Il gruppo del CIRS era capitanata dal Dott. Geol. Rosario Ruggieri, uno degli speleologi siciliani di maggiore esperienza. Con noi c’era pure il Dott. Geol. Eugenio Nobile (che prima o poi faremo membro onorario dell’Associazione Terranova).

Raggiunto il posto, non senza difficoltà, siamo stati più di due ore in grotta. Abbiamo potuto osservare delle meravigliose strutture sedimentarie, delle bellissime forme carsiche e dei depositi di grotta praticamente intatti. Grazie a quanto osservato abbiamo potuto fare delle ipotesi sulla genesi e sull’evoluzione della grotta nel corso del tempo.

12321411_200327170322860_6558650124649095636_n

12472537_200327403656170_5181687033510793166_n

12717962_200326896989554_1441518821743041331_n

12718067_200327630322814_8792960649249162552_n

12794446_200326833656227_3489385309189916349_n

12800300_200326256989618_189815580586491917_n12794545_200327306989513_2791527530077005075_n

12799202_200328286989415_841901988298347135_n

12801518_200328263656084_5596896090190785188_n

12802882_200327753656135_7077418009562735457_n

12799354_200326316989612_1217765449252222118_n

12802909_200327340322843_8365014952874318212_n

12801162_200328323656078_3586487523746507964_n

12794460_200326513656259_6193417715495442605_n

La grotta è di un certo interesse scientifico e possibilmente torneremo per rilevarla e cartografarla in dettaglio. Il percorso è abbastanza tecnico, e ciò vuol dire che non è proprio alla portata di tutti, ma se fosse valorizzata potrebbe essere messa in sicurezza e resa fruibile almeno parzialmente un elevato numero di utenti e soprattutto per speleologi e studiosi di questi fenomeni.

Per esperienza personale posso dire che al Nord Italia con una grotta del genere, la particolare valle (quasi un canyon) e i particolari ecosistemi presenti, qualche posto di lavoro si creerebbe senza particolari problemi.

Usciti dalla grotta siamo stato accolti da Gianfilippo Bancheri, sindaco di Delia (il centro abitato più vicino alla grotta), che si è dimostrato molto interessato a questa nostra attività e ha promesso di mettere tuta e scarponi per entrare in grotta durante le prossime esplorazioni.

La nostra attività di studio e di promozione del territorio continua…..

Advertisements